Giuseppe Sorge
 

 

 

  SORGE GIUSEPPE - scrittore storiografo

Nacque a Mussomeli il 23/01/1857, si deve a lui la prima storia municipale mussomelese, "Mussomeli, dall'origine all'abolizione della feudalitÓ, 1910-1916".
Il grande ufficiale dottor Giuseppe Sorge, Socio della SocietÓ Siciliana per la storia patria, fu prefetto della provincia di Brescia, pubblic˛ nel 1910, il primo volume sulla storia di Mussomeli e successivamente, diede in stampa il secondo volume, corredato da un indice alfabetico dei nomi e delle cose notevoli che ricorrono nell'opera.
Leggendo il titolo, sembrerebbe, a prima vista, che avesse voluto far conoscere soltanto la storia del suo paese natio; ma sfogliando i due grossi volumi, vengono fuori notizie che interessavano non solo Mussomeli, ma la Sicilia tutta, e ci˛ perchŔ essendo stati i Chiaramonte, i Moncada, i Castellar, i Ventimiglia, i Del Campo e i Lanza, oltre che signori di Mussomeli, signori di altre terre feudali, tutto quello che si riferisce alla vita sociale, economica, finanziaria ed amministrativa, ai sistemi agricoli di quel Comune, si riferisce parimenti a quella degli altri Comuni, che erano sotto il regime feudale delle dette famiglie.
Il Sorge per molti anni, ed in quelle poche ore che poteva sottrarre ai doveri di solerte funzionario, studi˛ nel Regio Archivio di Stato a Palermo, dove trov˛ numerosi documenti inediti; le sue ricerche non si limitarono all'istituto governativo, anzi pazientemente ricerc˛ quel che di maggior interesse si trovava nell'importante archivio privato del Senatore Principe Pietro Lanza di Trabia e di Butera, ed in quello del Comune di Mussomeli.
Fondendo ci˛ che era sconosciuto con i documenti editi e le cronache del tempo, il Sorge potÚ presentare un lavoro completo, utilissimo anche agli studiosi di etnografia, avendo egli consacrato due lunghi capitoli agli usi di quel paese; battesimi, matrimoni, funerali, pubbliche feste, fiere, corse al palio, rappresentazioni sacre, case di abitazione, arredamenti, mobili, utensili, strumenti del mestiere, vestiti, armi sono descritti con tale chiarezza e vivacitÓ da rendere assai dilettevole la lettura.
Particolari minuziosi vi si riscontrano, quali per esempio la descrizione del letto, nŔ gli avvenimenti politici sono superficialmente trattati; ma dall'accurato lavoro del Sorge vengono fuori particolari inediti su taluni feudatari di Sicilia, i quali, per la loro alta posizione, vi presero parte, si da correggere talune inesattezze di qualche storiografo dell'isola.
Stupendamente poi sono esposte le cause che determinarono la caduta della feudalitÓ.
Le istituzioni di beneficenza e quelle ecclesiastiche trovarono anche il loro posto nella bella opera del Sorge, il quale fu dotato di forti cognizioni storiche e giuridiche, di acume e spirito analitico non comune, morý il 13/02/1937.

TORNA A BIBLIOGRAFIA